SICUREZZA IN PISTA GRAZIE AGLI AIR BAG “DA MOTO”

SICUREZZA IN PISTA GRAZIE AGLI AIR BAG “DA MOTO”

Prosegue il Progetto Interreg che diffonderà l’impiego della nuova protezione.

A dicembre un meeting a Salisburgo illustrerà gli step di avanzamento

Sciatori muniti di Airbag per attutire le cadute in pista: questo è l’ambizioso obiettivo del progetto  “Sviluppo di metodologie di prova e qualificazione di sistemi con tecnologie Airbag applicati a sciatori in pista” portato avanti da Dolomiticert, con i partner delle Università di Salisburgo e Padova.

Lo studio, che ha preso vita dalla considerazione che gli incidenti in pista hanno raggiunto cifre esorbitanti (20-25.000 casi a stagione nelle aree alpine italiane e 70.000 in quelle austriache), ha come obiettivo quello di studiare dei protocolli di prova per validare i dispositivi Airbag, in modo da incrementarne l’applicazione nelle discipline alpine.

Forte dell’esperienza acquisita in ambito motociclistico, Dolomiticert ha così deciso di cimentarsi in questa sfida che porterà ad avere dispositivi con un peso ed un volume di ingombro ridotti, tanto da incentivarne il loro impiego. Il ruolo principale del laboratorio di Longarone, resta comunque quello di definire i protocolli di prova per la valutazione delle caratteristiche funzionali, strutturali e di protezione degli Airbag e di eseguire i corrispondenti test di laboratorio in base a tali protocolli. A tal fine, l’equipe di tecnici ha portato avanti un’approfondita ricerca riguardante il funzionamento e le caratteristiche tecniche dei dispositivi di protezione di tipo airbag e, come si diceva all’inizio, lo  studio delle normative di maggiore interesse riguardante analoghi dispositivi di protezione già usati nel mondo delle due ruote.

Grazie ad un’attività coordinata tra i partner, le Università di Salisburgo e Padova hanno eseguito delle prove in pista cha hanno permesso di acquisire importanti dati ora al vaglio del laboratorio e tutti i soggetti coinvolti hanno definito i parametri-dati antropometrici e biomeccanici che dovranno essere rilevati e quindi gestiti a partire dalle prossime sessioni di prova.

Ci son tutte le premesse, quindi, per raggiungere l’ottimo risultato auspicato e per sapere le ultime novità basterà attendere il meeting “ICSS 2013 – 6° INTERNATIONAL CONGRESS ON SCIENCE AND SKIING ”, organizzato dall’Università di Salisburgo e che si terrà dal 14 al 19 dicembre 2013, nel corso del quale i tre partner hanno concordato di presentare il contenuto e i risultati provvisori.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.